I miei due citti*

La mappa della blogsfera pubblicata nel paginone centrale di Nòva24, il supplemento del Sole 24ore ha suscitato molte discussioni e polemiche. Chi accusa, per l’ennesima volta, i blog di essere autoreferenziali, chi dice che la mappa non è rappresentativa della blogsfera, chi si interroga sui metodi usati.
Il vostro beneameato Zuck, dopo un periodo di riflessione, a certificare che quello che scrive sia sensato, ha apprezzato molto il lavoro fatto da Ludo e da tutti i suoi collaboratori. Anche perché le tematica della forma delle reti è un tema che lo appassiona, come chi ha seguito il suo speech su Kevin Bacon e l’autoreferenzialità dei blog ad Inedita 2006.
Detto questo, potrei suggerire un paio di osservazioni:

  • Il web non è una rete relazionale bidirezionale. Se io linko te, non vuol dire che tu linki me. Anche i blog sono così. Questo fatto, nella mappa, non è stato abbastanza messo in evidenza. Il colorare diversamente i link entranti e quelli uscenti, secondo me, non dà sufficiente risalto. Mi pare più efficace rappresentare il tutto con frecce entranti e uscenti dai nodi della rete.
    In questo modo, ad esempio, il sito di Beppe Grillo sarebbe risultato come un buco nero, dove tutto va a finire e niente viene espulso, mentre Pandemia sarebbe venuto fuori come una supernova (per continuare il paragone astronomico) che prende e ridà luce. Mentre Il lamento di Zuck, un sito a caso, una fievole fiammella che non prende da nessuno.
  • Molte voci si sono interrogate sulla scientificità dello studio. Innanzitutto mettersi d’accordo su cosa intendiamo. Il metodo scientifico si basa sull’osservazione dei fenomeni, sul tentativo di spiegarli con ipotesi, sul definire conseguenze verificabili basate su queste ipotesi e sulla conferma o negazione delle ipotesi sulla base delle verifiche sperimentali effettuate. Lo studio di BlogBabel è prettamente scientifico: osserva un fenomeno che esiste e ne definisce i limiti chiaramente.
    Anzi, fa di più, con una chiarezza che fa onore, parte dalla definizione di blog (certo, una definizione opinabile) per determinare ciò che è in scope e ciò che è out of scope, escludendo quei siti che si servono delle stesse piattaforme, ma svolgono una funzione diversa dai blog (ad esempio, i siti di template), e mettendo energie preziose in un comitato di approvazione e esclusione dei blog.
    In poche parole, abbiamo a disposizione dei dati raccolti con precisione, messi lì per tutti noi. Buttiamoci nell’analisi e nella formulazione di ipotesi su questo fenomeno. Perché i blog sono disposti in quella data maniera? Se togliamo dalla mappa un blog importante, che ha tanti link, quanti altri blog spariscono insieme a lui? Se cambio homepage ad un blog, cosa succede? Beh quello lo so già, passa dal posto 400 al 2300
    In poche parole, abbiamo dei dati, usiamoli! Non stiamo a discutere sul campione statistico, ne abbiamo per caso uno migliore? A me pare di no.
  • Sull’autoreferenzialità bisognerebbe aprire un lungo discorso su quanto sia realmente negativa l’autoreferenzialità, su quanto siano autoreferenziali i blog rispetto al resto del web e degli altri media. Secondo il mio modesto parere, l’autoreferenzialità non è un male a prescindere. Anzi, certe cose sono interessanti proprio perché autoreferenziali, tipo il processo di Biscardi (eh eh eh). Ci sono grosse parti del web e dei blog che sono autoreferenziali in modo poco interessante, come ci sono sui giornali e alla televisione. Il segreto sta nell’essere autoreferenziali, sì, ma avendo coscienza che il mondo continua a girare, là fuori.

*Per chi non fosse ligure, l’espressione citto sta per centesimo. E data da prima della conversione all’euro. Si riferisce ai centesimi di lira. Rimasta nel gergo comune soprattutto per merito dei tossici che si avvicinano a te dicendo: – “ce l’hai due citti?” nella speranza di raggranellare qualche spicciolo.

9 thoughts on “I miei due citti*

  1. Senza un campione accurato la discussione poggia su base traballante, caro Zuck. Soprattutto perché un campione più accurato si può fare. Io direi di lavorare a un modello che sia più esplicativo. Appena ho un po’ di tempo per scriverla per bene lancio una proposta su una tecnica di campionamento praticabile.

  2. Il problema del campione si presenta se quello su cui indaghiamo è qualche cosa di più grande di quello che abbiamo a disposizione per le indagini. Le ipotesi e le conclusioni a cui possiamo arrivare sono, chiaramente, applicabili solo alla base che forma i blog di blogbabel. L’unico “peccato”, da questo punto di vista, sta nell’aver definito “questi sono i blog”. Se avessero detto questo è la mappa dei “blag” dove i “blag” sono i blog che partecipano alla discussione, che usano FB, eccetera… Non ci sarebbero state polemiche. Chiaramente per te i blog sono una cosa diversa da quella che pensa Ludo.
    L’idea di cercare di analizzare un campione più rappresentativo mi trova d’accordo.
    Ma accusare di essere poco accuratezza la mappa di Ludo è come accusare di poca accuratezza una cartina italiana solo perché non rappresenta tutto il mondo.

  3. Sono d’accordo su un sostanziale “peccato” di presentazione, come sostiene anche Simone Morgagni.
    La mappa non è rappresentativa. Il campione non è accurato. 🙂

  4. Pingback: Kurai

  5. il blog e’ un viaggio
    e il viaggio lo sappiamo si compie da soli
    per un periodo e anche per sempre si possono avere dei compagni/e di viaggio
    ma il viaggio e’ a prescindere solitario perche il viaggio si compie solo in “se'”

    nessuno puo compierlo per me ne io per lui
    ma ci si puo aiutare
    se noi togliamo la parola blog e la sostituiamo con
    (tentativo di ) vita sociale e/o presa di coscienza avremmo forse capito che il blog o la rete a parte le performance da scuole medie
    anch esse autoreferenziali
    io sono bravo e guarda che template che conformita’ di codice css io so come fare ecc
    a parte raccontarsi agli altri per paura di raccontarsi veramente e mettersi in gioco
    la rete ha una solo vera funzione la presa di coscienza che l umanita’
    dovra presto o tardi fare sua

    la rete e’ il mezzo di discussione di scambio e di crescita
    l autoreferenzialita’ e’ un Loop un ciclo che prima o poi si dovra interrompere se si vuole riprendere il viaggio in se’

    l umanita’ e’ un organismo il singolo in se nn influise su di essa Lui e’ un campione statistico
    una pietrolina molti singoli sono la stessa cosa ma se molti singoli si mettono insieme in diversi luoghi della terra creano un movimento “ubi motu ibi fluxus”

    verso quel punto lontano detto “redenzione”
    siamo tutti pieni di errori perche pieni di paure
    di tabu siamo stati programmati e adesso dobbiamo riprogrammarci

    rinventare nuove regole nuovi linguaggi
    quelli di ora nn sono piu adeguati per descrivere il mondo

    e chi puo dire che nn stiamo vivendo in tempi nn interessanti ?

    ciao zuk

  6. Sono d’accordo soprattutto sul primo punto, che è uno dei dibattiti più interessanti fra quelli autoreferenziali. Posto che le visite, i semplici contatti non dicono più molto e che ‘pesano’ soprattutto i link… in che direzione vanno, a cosa portano? Blogbabel, e quella mappa, hanno il pregio di non includere i link da blogroll (il centro della mappa sarebbe una massa di colore verde uniforme) ma solo quelli nei post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.