Rio – Leonardo Colombati

RioRio è il nuovo romanzo di Leonardo Colombati. Confronto a Perceber, che era assorbiva il lettore (e l’autore, penso) in una storia enciclopedica con infinite biforcazioni, questo è un romanzo “normale”. E a me, è piaciuto molto di più.
La storia è quella di un giovane romano che affronta a Londra uno dei punti di svolta di quella che potrebbe essere una brillante carriera, ma si fa affascinare da un vecchio scrittore conosciuto nell’atmosfera torbida di un club per nudisti: il Rio Center.
A tratti esilarante, a tratti riflessivo, a tratti psichedelico con una goccia di thriller e di follia. Il tutto condito con riferimenti musicali (un esempio è spiegato in roiordie) di grande effetto.
Un parallelo si potrebbe fare con Perduto per sempre di Roberto Moroni, per come descrive i thirty something di oggi, sempre schiacciati da figure paterne ingombranti. Padri di successo, ossessionati dalle donne, ma sempre disprezzati dai figli.

3 pensieri su “Rio – Leonardo Colombati

  1. Pingback: Rio e psichedelia | roiordie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *